Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Lazio Laghi Laziali Ariccia

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Ariccia

Descrizione

Comune della provincia di Roma, situato nell'area dei Castelli Romani, Ariccia, secondo il poeta latino Publio Ovidio Nasone, fu fondata da Ippolito, figlio del primo re di Atene, Teseo, rifugiatosi nel Lazio, nei pressi del lago di Nemi sui colli Albani, dopo essere stato accusato di incesto con sua madre Fedra; un'altra versione, invece, sostiene che la città sia stata fondata da alcuni Siculi, comandati da un certo Archiloco.
Sicuramente Ariccia è precedente la fondazione di Roma, essendo stata una delle più importanti esponenti della Lega Latina. Assoggettata da Roma nel IV secolo a.C., divenne ben presto una rinomata comunità romana, molto apprezzata per la sua particolare posizione geografica, a metà strada tra due laghi di origine vulcanica: il lago Albano e il lago di Nemi. Nel 312 a.C. il suo territorio fu attraversato dalla Via Appia e rappresentava la prima "mansio" (stazione di sosta) provenendo da Roma. Seguì le sorti dell'Urbe, per cui cominciò lentamente ed inesorabilmente il declino in concomitanza col "Sacco di Roma", ad opera dei Visigoti di Alarico. La rinascita coincide col passaggio della città alla famiglia Savelli nel 1473, la quale avviò la ricostruzione dell'abitato e l'edificazione del palazzo baronale. Nel XVII secolo il feudo fu acquisito dalla famiglia Chigi che affidarono al Bernini ed ai suoi più illustri collaboratori la riprogettazione urbanistica della città. Tra il Settecento e l'Ottocento fu meta di artisti e letterati del nord Europa che sostavano alla Locanda Martorelli, tappa del Grand Tour. Nel 1854 papa Pio IX intraprese la costruzione del viadotto monumentale a tre ordini di archi.
Siti di interesse:
- i resti archeologici della romana "Aricia", compreso un tratto di mura difensive, risalenti al V secolo a.C. e due ville romane rinvenute nei primi anni del Novecento;
- Palazzo Chigi, iniziato nel XVI secolo dalla famiglia Savelli, fu trasformato in dimora barocca dalla famiglia Chigi, sfruttando un'idea progettuale del geniale Gian Lorenzo Bernini. Il palazzo vanta un'importante collezione di dipinti, sculture ed arredi, risalenti prevalentemente al XVII secolo, e provenienti anche da altre dimore di famiglia, tra cui lo stesso palazzo di Roma, venduto allo stato nel 1918. Oggi è di proprietà del comune che l'ha adibito a museo di se stesso.
- la Locanda Martorelli, anch'essa di proprietà comunale, fu un'importante tappa del Grand Tour di artisti e letterati del nord Europa;
- l'ex Collegio di San Nicola, oggi sede del municipio;
- la Collegiata di Santa Maria Assunta, progettata da Gian Lorenzo Bernini; volutamente ispirata al Pantheon di Roma, è stata definita "esempio paradigmatico dell'architettura barocca. Gli stucchi della cupola sono opera di Antonio Raggi. All'interno sono custoditi capolavori di Jacques Cortois, detto il Borgognone, Raffaele Vanni, Ludovico e Giacinto Gimignani, Bernardino Mei e Alessandro Mattia da Farnese.
- il Santuario di Santa Maria di Galloro, uno dei santuari mariani più frequentati della regione, in cui si venera una miracolosa immagine della Madonna. L'attuale aspetto dell'edificio vede la partecipazione e la consulenza del Bernini, che ne ridisegnò la facciata.
- la Chiesa di San Nicola di Bari, progettata da Luigi Bernini, fratello del più noto Gian Lorenzo; oggi è sconsacrata ed ospita un teatro.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 33.191 volte.

Scegli la lingua

italiano

english