Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Emilia Romagna Riviera Adriatica e dintorni San Leo

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

San Leo

Descrizione

Il toponimo onora Leone, cristiano dalmata, che con Marino, a cui è dedicata la vicina Repubblica, costruì nel IV secolo in zona un edificio di culto. Comune in provincia di Rimini, situato su un altopiano roccioso a circa 600 metri di altezza, nel cuore del Montefeltro, sul lato destro della Valle del Marecchia, il piccolo centro abitato è dominato dal Forte, posto sulla parte più alta della rupe. È un borgo suggestivo, ricco di storia e di testimonianze artistiche, ove ogni abitazione, semplice nell'aspetto, ma caratterizzata da piccoli, eleganti particolari, è immersa in un'atmosfera che riporta al passato e che attira turisti durante tutto l'anno.
Non vi sono dubbi sulla presenza umana sulla rupe, dove oggi si trova San Leo, in epoca preromana, benché non siano presenti sufficienti dati per identificare le origini dei primi abitanti. Ugualmente incerta è la presenza dei Romani in zona, per quanto sia ragionevole ipotizzare che Roma abbia inviato le sue truppe anche qui. Caduto l'Impero Romano, la zona fu occupata da diversi popoli, tra cui i Goti ed i Longobardi. Durante l'Alto Medioevo subì le influenze bizantine, la conquista da parte dei Franchi nell'VIII secolo e la presenza del Duca Orso. Nel Forte si rifugiò Berengario II, Marchese di Ivrea e re d'Italia, che tentò di sfuggire all'imperatore Ottone I di Sassonia il quale riuscì ad assediare e a conquistare la fortezza nell'anno 962. Negli anni dell'imperatore Federico I, San Leo fu concesso in feudo ai Carpegna; nel XIII secolo il borgo tentò di conquistare l'indipendenza senza successo. Fu sottoposto ai Tiberti della Petrella, ai Malatesta da Cesena e a quelli da Rimini, nel XV secolo a Federico III di Urbino, ai Della Rovere, infine fu conquistato dai Fiorentini e appartenne alla Chiesa di Roma.

Da vedere:

La pieve, risalente al IX secolo, forse all'VIII, è uno splendido esempio di architettura preromanica. Costruita in arenaria, presenta tre navate suddivise da colonne ed abside circolare. All'interno sull'altare un baldacchino in marmo donato dal Duca Orso, signore di San Leo, nell'anno 882.
Il Duomo fu costruito in stile romanico tra il XII ed il XIII secolo con materiali ricavati da preesistenti edifici e sulle fondamenta di un precedente tempio di epoca romana. Ha struttura a croce latina con tre navate divise da colonne, sotto il presbiterio si trova una cripta a tre navate.
La Torre di vedetta, sempre in stile romanico, poco distante dal Duomo, fu costruita nel XII secolo con blocchi di arenaria. Presenta all'esterno forma di parallelepipedo, all'interno è cilindrica. Fu trasformata nel campanile del Duomo.
Il Forte, frutto di diverse sovrapposizioni, si trova sulla parte più alta dello sperone di roccia su cui è costruito il centro. La struttura attuale è il risultato dell'ultimo restauro voluto da Federico III di Montefeltro nel XV secolo. In quell'occasione fu dotato di due torrioni e di una lunga cortina di mura e fu aggiunta la residenza dei duchi. Vi furono rinchiusi il Conte di Cagliostro e nel periodo del Risorgimento molti patrioti.
Il palazzo Municipale fu la residenza cinquecentesca dei Montefeltro.
Palazzo Medici eretto dai Della Rovere e rifatto nel 1521.
Palazzo Severini.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 16.912 volte.

Scegli la lingua

italiano

english