Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Emilia Romagna Ferrara e Forlì-Cesena Bertinoro

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Bertinoro

Descrizione

E' uno splendido e suggestivo borgo medievale perfettamente conservato, in provincia di Forlì-Cesena, situato sulla cima del monte Cesubeo, sulle primissime colline romagnole.
La leggenda vuole che il toponimo derivi da un'esclamazione di Galla Placidia, figlia di Teodosio, che passando in questi luoghi, le fu servito un ottimo vino in una coppa di terracotta; estasiata dall'ottimo sapore disse "Non di così rozzo calice sei degno, o vino, ma di berti in oro". In realtà il toponimo deriverebbe dal genitivo dei frati britannici che soggiornarono qui "britannorum", modificato, poi, nel corso dei secoli.
Resti risalenti all'Età del Ferro ci inducono a ritenere che l'area fosse interessata da insediamenti umani sin dalle epoche più remote. Nel Medioevo, con l'avvento delle incursioni barbariche, il "Castrum Cesubeum" si spostò sulla cima del colle, dotandosi di un'imponente rocca a merlatura ghibellina che, nel 1177, ospitò Federico Barbarossa e la sua corte. Mutò il suo nome in "Castrum Brittinorum" con Ottone III.
Non possiamo non menzionare gli eccellenti prodotti eno-gastronomici, a partire dalla nota piadina, dallo squacquerone DOP, il Sangiovese, l'Albana DOCG, il Trebbiano e il Cagnina.
Siti di interesse:
- la Colonna delle Anella, simbolo della città, eretta per volontà di Guido del Duca e Arrigo Mainardi, nobili bertinoresi del XIII secolo, sia per pacificare le famiglie di Bertinoro in lite che per offrire ospitalità ai viandanti che sostavano nella città, essendo l'unico mezzo d'informazione per sapere cosa accadeva nel resto del mondo. Infatti ad una delle dodici anella, a cui corrispondevano dodici famiglie di Bertinoro, il pellegrino legava il proprio cavallo individuando così la casa che lo avrebbe ospitato.
- la Rocca, costruita intorno all'anno mille, nucleo di un complesso sistema difensivo che comprendeva anche mura e quattro torrioni. Oggi è sede del Museo di Arte Sacra e del Centro Universitario di Bertinoro.
- il Palazzo Comunale, fatto edificare nel 1306 da Pino I Ordelaffi, signore di Bertinoro. E' uno dei palazzi più belli della città, con molte sale visitabili.
- la seicentesca Cattedrale di Santa Caterina d'Alessandria, in stile bramantesco. All'interno è conservata una preziosa pala d'altare raffigurante le nozze mistiche della Santa, di scuola bolognese.
- la romanica Pieve di San Donato, citata anche da Giosuè Carducci;
- Villa Norina, dove soggiornò Antonio Canova;
- lo stabilimento termale di Fratta Terme, unico in Italia per l'ampia gamma di acque minerali.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 41.979 volte.

Scegli la lingua

italiano

english